lunedì 5 maggio 2014

MALTA ISLAND

Occhei,
apro l'agenda su cui mi sono appuntata gli eventi maltesi.
Ovviamente ricordo ben poco, molti li ho dimenticati anche se sul momento ero certa che me li sarei ricordati, altri li ho appunto scarabocchiati sulla mia adorata moleskine, altri ancora li ho fotografati. Vediamo che ne viene fuori!

- 1 giorno e mezzo: lavatrice
Significa che dopo nemmeno 48 ore dal nostro arrivo a Malta abbiamo dovuto mandare tutti i vestiti alla Laundry perchè faceva un tale freddo che tutti i capi pesanti erano gia zozzi di gelato, fango, cibi vari e indecifrabili.....









- scarpe andate
Tommi riesce a ficcare un piede in mare con le Nike. Poi un piede in piscina con le Superga.
Sotto una pioggia di imprecazioni ci dirigiamo con lui scalzo (e le strade di Malta non sono proprio pulitissime) a comprare un paio di scarpe decenti. Converse blu o rosse. Un'ora perchè lui decidesse mentre Maria/Godzilla distruggeva il negozio e si provava cappellini da rapper.











- Gita a La Valletta
Amore corriamo a La Valletta, stupendo.....
tre ore di traffico in macchina
Amore prendiamo il traghetto
Si si traghetto....bambini esaltatissimi!
Il comandante: si ma fate presto perchè sono le sei meno un quarto e alle sei e dieci riparte l'ultimo traghetto per rientrare. 
Tempo a La VAlletta: 5 minuti. Con gelato e congelati!



- piatto rotto
Come da tradizione. Maria in qualsiasi locale, bar, ristorante entri, DEVE rompere qualcosa. Disintegrare un piatto nel bel mezzo della cena al ristorante dell'Hotel, quando tutti gli altri bambini sono composti e in silenzio al loro tavolo, è proprio tipico nostro.

- Vestiti inglesi, vestiti noi
Questa è una faccenda che non mi spiego: riconosci inglesi o comunque i nord europei a prima vista. Idem noi italiani. Loro superati i 10° vanno in giro in ciabatte, canottiera e bermuda (bambini compresi). Noi a 20° abbiamo il cappello per coprire orecchie ed evitare raffreddori, sciarpa contro mal di gola, scarpe e calze, giacca a vento. Ed insieme conviviamo sulla stessa spiaggia, nello stesso luogo, esposti alle stesse intemperie. Loro sono sempre sani. Noi no. E se sperimentiamo la tattica de "lo tengo scoperto se no suda"....TRAM ecco la bronchite. Ma perchè???















- Scarpe Bubuù
Cacchio Edo, Maria si è ustionata i piedi. Ma come è possibile? Cammina come sulla uova rotte. Ok che la spiaggia è fatta di sassetti ma mi sembra esagerata. Eh si. Guarda. Si è proprio scottata i piedi cacchio. Oh ma solo a lei poteva succedere......
Potresti vedere se nel negozietto là in fondo hanno dei sandaletti di gomma? N
ella mia testa c'erano le cosiddette "medusine", quel sandaletto chiuso fatto di gomma che usavamo da bambini al mare....ma nella testa di mio marito c'era altro.


Maria ha talmente apprezzato che non c'è stato verso di levargliele nemmeno nelle giornate più ventose:













- Colazione: Mamma caccaaaa
Primo giorno di colazione, io e Maria da sole, sala semivuota, ore 7 del mattino. Finita la sua colazione si aggira urlando per i tavoli Mammaaaa Caccccaaaaa toccandosi pannolino e cercando di levarselo, tra gli sguardi attoniti e schifati dei commensali.
Il giorno dopo ha rotto il piatto. Eccoci, siamo i Piva!

- Tour da Braccio di ferro:
a Malta è stato girato il film su Braccio di ferro. Ecco, preferisco non commentare. L'ambientazione è magica ma l'animazione...mamma mia! per non parlare del tombolone finale! Non cascateci, o almeno distaccatevi dalle comitive!



 Qualcosa di strano....

 Olivia????


- Tommi cacca pannolino
Quando meno te lo aspetti, cioè quando sei in un logo sconosciuto, in una spiaggia sconosciuta, con gente sconosciuta e tuo marito "casualmente" rimasto un attimo in albergo  a mandare una mail; dopo aver chiesto 100 volte al figlio grande "Devi fare cacca? perchè hai proprio la faccia di quello che la deve fare" "Ma nooooo ti ho detto di no". Dopo aver spogliato la piccola ed essermi accorta che quella piena di cacca era lei, cercando di mimetizzarmi dietro a un canniccio e stando sopravento per evitare che tutti si accorgessero che la classica mamma italiana stava "scagando" la bambina frignona in spiaggia davanti a tutti, ecco che arriva lui, il grande e dice: Mamma cacca. Ma Comeeeee??? te l'ho chiesto tre minuti fa! Non un'ora o tre ore. tre minuti. Come è possibile che la pupù nel tuo gentile corpicciolo si produca a tale velocità? Non posso nemmeno portarti al bagno perchè a chi lascio Maria?

Allora non avevano ancora fatto amicizia!
Tommi ti metto un pannolino. Noooo, come un pannolino mamma (con lacrimoni agli occhi). No hai ragione, scusa...che faccio? Falla in un pannolino ok? Ok! E sempre dietro al canniccio, sempre da brava mamma italiana, faccio fare i bisognini a un bambino di quasi 6 anni in un pannolino rotto che con estrema nonchalanche vado poi a buttare nell'immondizia passando davanti a tutti i bagnanti, evitando il loro sguardo di disapprovazione. Si, perchè i bambini maltesi, inglesi, tedeschi o altro lì presenti non cagano e non pisciano, non urlano, non hanno bisogno di cappelli parasole o di protezione totale 50 che trasformano i bambini in piccoli fantasmi erranti per la spiaggia, loro non rompono le palle a mamma e papà e a tutto il vicinato, vanno alla TOILET (come ama chiamarla Tommi) da soli e sono indipendenti già a un anno e mezzo.
Fanculo.

- Arresto
Amore, ho un'idea geniale: dato che domani è brutto e ventoso (strano!) andiamo alla fabbrica di Playmobil ***NB esistono due fabbriche di Playmobil, una in Germania e una a Malta, dove produconpo tutti i personaggi che vedete in giro per il mondo
Ok, andiamo.
Ovviamente ci perdiamo ma riusciamo a vedere finalmente molte bellezze dell'isola
Birzebbuga
  Marsaxlokk Bay
 Marsaxlokk Bay
  Marsaxlokk Bay

Chiediamo indicazione a dei poliziotti senza renderci conto che sull'altro lato della strada stavano ammanettando una persona. Il bello è che i poliziotti sono tutti contenti di darci indicazioni sulla fabbrica dei Playmobil!



- Ballo di Maria con Playmobil
Scusate, io non amo mettere i bambini ma questo dovevo! Lei pensava fosse un bimbo!


video




- Un giorno pranziamo in piscina e....
Tommi decide di berne l'acqua. The Addams Family.


- Edo: "Il coco pops è dell'esatta dimensione per provocare un'ostruzione respiratoria"
Ehhhh???
La frase della vacanza è stata mangia piano, mentre con apprensione guardava e controllava ogni boccone che quella specie di mostro mangiatutto di mia figlia metteva in bocca. Di tutta risposta lei lanciava il cibo in faccia al padre urlando, stanca di dover ingurgitare microporzioni tipo uccellino...che lei di certo non è! Ogni pranzo, ogni cena Maria non veniva lasciata mangiare in pace e appena dava segni di aver finito il pasto, veniva trascinata via dal padre, mentre lei urlante cercava di recuperare da piatti altrui cibo avanzato.


Dulcis in fundo

Io sola: Tommi mette un piede nel buco della strada dove si raccoglie la sporcizia lavata la mattina dai gestori dei locali. Poi lui rovescia un secchiello d'acqua nelle scarpe di Maria. Ok, tanto dobbiamo solo partire tra 6 ore

La vera verità è però che, a parte lo sconforto iniziale di trovarci totalmente spaesati con bambini urlanti e capricciosi, la vacanza è stata bellissima. A parte le giornate di freddo e vento abbiamo avuto giorni scaldati da un meraviglioso sole, un mare limpido (e gelido) dei paesaggi pittoreschi.
Quindi bravi noi che per 14 giorni ci siamo sciroppati da soli le creature (e Maria è piccola!!!) e non li abbiamo mollati al primo pescatore di passaggio, e grazie a Malta, grande isola, tutta da scoprire!










FAMILY TRIP




Nessun commento:

Posta un commento