lunedì 18 novembre 2013

X FACTOR A CASA NOSTRA

Un giovedì sera qualunque...anzi non qualunque perchè da quando c'è X Factor io e mio marito stiamo incollati alla TV, unica volta della settimana in cui concordiamo su quale programma vedere senza litigare.

Lui comincia a commentare....alla terza battuta idiota decido che è il caso di prendere nota e condividere

"Figoooo lo smoking scozzese di Mika, me lo comprerei subito..."
(Si si, ti starebbe uguale proprio)

"Amore, se non stessi con te mi farei di brutto Elisa.....cioè, se la vedessi a una festa le salterei addosso....cioè in realtà guardandola bene fa cagare"
(bello deciso)

"Ma tu pensi che sia grave quello che io penso?"
(Siiii molto spesso penso tu abbia un criceto che corre su una ruota al posto del cervello, ma non te lo dico)

I Freeboys secondo me sistemano tante di quelle ragazze.....tipo quelli là, i uandairecscion...."
(ma cacchio sono dei quindicenni brufolosi pettinati come dei pirla e vestiti da coglioni? Le ragazzine di oggi mica sono così stupide sai!)

Ahhhh ma allora Luca Tomassini c'è ancora, ero preoccupato. Ora cominciano tutti:
Grazie a Luca Tommasssini per la coreografia,
grazie a Luca Tommasssini per l'idea innovativa,
grazie a Luca Tommassini della vita,
grazie a Luca Tommasssini della carta da culo
...ma poi chi cacchio è 'sto Luca Tommassini?"
(Non so ma ti assicuro che pure io non lo sopporto!)

Poi, dato che si è infortunato un piede, dopo aver assistito a scene plateali come se gli avessero amputato una gamba con una sega circolare senza anestesia, come se anche solo lo spostamento d'aria gli provocasse un dolore talmente lancinante da dover lanciare una bestemmia via l'altra,dopo averlo visto impartire centinaia di ordini a Tommi tipo prendimilacqua - ipad - igrissini - iltelecomando - ilcuscino, chiedo:
Come va il piede?
Da quando sono andati a letto i bambini, meglio.

Nessun commento:

Posta un commento