mercoledì 3 aprile 2013

ABBRACCIO

Mamma e figlio sono perfettamente complementari. Se si è sempre pensato che uomo e donna fossero le esatte metà di una mela, amiche single smettete di affannarvi a cercare la perfezione e accontentatevi anche di metà arancia è metà kiwi! Uomo e donna possono incastrarsi quasi perfettamente, possono abbracciarsi e sentirsi uno parte dell'altro, le gambe di lui strette a cucchiaio dietro a quelle di lei, le braccia di lui che stringono da dietro quelle di lei, il viso che si accuccia nell'incavo del collo. Si è vero, ci sentiamo" completi" anche così...ma tra madre e figlio è tutta un altra cosa.

C'è una posizione magica che solo mamma riesce ad assumere, un modo di mettersi che non è proprio nel dna dei padri o di altre persone. Una postura a volte scomodissima ma che a contatto con il proprio bambino diventa la più naturale del mondo. Quell'atteggiamento corporale che fa sì che il bimbo si adatti perfettamente alla posizione della mamma, quel modo di tenere il proprio figlio in braccio che ha la capacità di calmare anche il pianto più inconsolabile. Ogni mamma ha la sua posizione! Ogni mamma è diversa così come lo è ogni figlio. Dio mi ha creata perfettamente complementare a Tommi e Maria!
Quando hanno bisogno di sentirsi al sicuro assumiamo entrambi quella magica, sconosciuta e naturalissima posizione che fa sì che i nostri cuori combacino e i nostri respiri si allineino. Il piccolo stende le braccine sotto quelle della mamma e appoggia la testina sotto il mento della mamma, che smette di essere spigoloso e si ammorbidisce stendendosi verso l'alto in modo che il collo diventi un piccolo nido, un luogo sicuro dove custodire il respiro dei propri bambini. Le spalle si rilassano e si incurvano verso l'interno, quasi a voler proteggere come due ali il corpo del piccolo. La pancia, ancora memore di aver custodito quel delicato corpicino, si ammorbidisce per accogliere le gambine che subito si rilassano sostenute dalle mani della mamma. Ecco, in un attimo torna la pace, il respiro di entrambi si fa regolare, i cuori si ascoltano, i profumi si mischiano e si riconoscono, i battiti scandiscono il tempo....tutto è ovattato in quell'abbraccio, tutto si ferma, tutto si ricarica.

Nessun commento:

Posta un commento