giovedì 18 ottobre 2012

IL NUOVO NEONATO!

Ecco qui la mia esperienza con Maria. Di Tommi ricordavo poco e niente quindi non ho mai potuto scrivere qualcosa di prettamente pratico sulla gestione del neonato, ma ora penso che ne valga la pena, anche perchè io al primo figlio (ed anche con Maria dato che mi ero dimenticata tutto!) avevo continuo bisogno di fare domande e di avere risposte.Magari qualche neomamma qui potrà trovare suggerimenti utili!

ALLATTAMENTO: per tutte coloro che ancora non hanno provato questa gioia......sappiate che a parer mio è più doloroso allattare che partorire! Io non ho mai provato tanto male in vita mia: immaginate 1000 spilli che vi trapassano i capezzoli e la sensazione che qualcosa vi stia mangiando via la carne. Il dolore si irradia fino alla schiena, alla pancia e alle gambe. Io piangevo talmente tanto che mio marito pensava fossi pazza o isterica. E non dite "magari attaccavi male la bambina": mi sono fatta controllare più e più volte per essere certa di stare facendo la cosa giusta. Dopo aver chiamato tutte le mie amiche "allattatrici" e aver avuto conferma da loro del dolore dell'allattamento (ma dura poco, fidati!), ho iniziato ad usare i paracapezzoli in lattice. La situazione è nettamente migliorata, però poer almeno una settimana il male è stato atroce. E' vero, il paracapezzolo crea una piccola barriera tra madre e figlio ma credo che il contatto e l'odore vadano al di là di un mini schermo in gomma.
Quando poi il seno è ben pronto per allattare tutto cambia. In realtà io qualche piccolo dolorino lo provavo tutte le volte che Maria si attaccava al seno ma ho sopportato.
Io produco poco latte. Allora via con il PIU' LATTE, un integratore che aiuta le mamme a farsi venire delle tettone gigantesche piene di latte. A me poco è servito!
Direte ECHISSENEFREGA delle tue menate. Invece no, è un problema comune che ho riscontrato in tante mamme e ne ho parlato spesso. Ci si sente inadeguate perchè bisogna ricorrere alla famosa AGGIUNTA. Invece ben venga! Mia figlia è cambiata radicalmente con l'aggiunta del latte artificiale: prima voleva attaccarsi al seno ogni ora....un inferno. Poi ho cominciato a fare 10 minuta per seno e aggiunta di 60 grammi latte in biberon. Perfetto. Niente più pianti e tirava 3-4 ore tra una poppata e l'altra. Man mano cresceva dovevo aumentare il latte. Ad un certo punto mi sono accorta che si stancava tantissimo a  ciucciare dal seno, tanto che poi non finiva il biberon, si addormentava , non mangiava abbastanza e giù di nuovo a piangere! Allora ho cominciato a tirare il latte: 2 volte al giorno, mattina e sera. Biberon della MAMMA e poi artificiale!
Dopo un mese e 10 giorni ho mollato il colpo. Diventava tutto troppo impegnativo e avendo anche Tommi a cui stare dietro non potevo pensare di stare la maggior parte della giornata  a tirare latte e ad allattare. Quindi via all'artificiale.

BAGNETTO: a mio parere fondamentale nella vita del neonato! Io cerco di non mancarlo mai. Per loro è importante l'abitudine, quindi passeggiata, gioco, bagnetto, pappa, nanna: queste le regole del pomeriggio. Sempre alla stesa ora, seguendo rituali ben definiti. Anche se sembra che i lattanti non capiscano meglio spiegargli comunque cosa stiamo facendo. Il suono delle parole, uguale ogni sera, sembra venga riconosciuto e sentito come un vero rituale che a loro ds molta sicurezza. Io usa una vaschetta da appoggiare alla vasca grande (ti si spezza la schiena lo stesso!) e verso nell'acqua un po' di amido di rido. Lavo la bambina con MUSTELA o simili. Resta nel bagnetto pochi minuti.  Le lavo tutte le sera i capelli sperando che cadano quelli lanuginosi e arrivino i nuovi! Poi la trasferisco sul fasciatoio e l'asciugo con il phon dappertutto: testa, corpo, pieghe di ciccia! Finisco con lei a pancia in giù e le mette una crema o un olio massaggiandola delicatamente per pochi secondi. Poi pappa!

BIBERON: MEBBY
http://www.mebby.info/
Con ghiera e cannuccia anti otite e anti coliche, pare che valgano!

BODY: io uso quelli di Petit Bateau www.petit-bateau.it perchè sono comodissimi. Canottiera, manica corta e manica lunga. Da intimo e polo, con o senza bottoncini, rigorosamente bicnhi salvo qualche rara eccezione del rigato e piccolo disegno. Tanti mi sono stati passati da mia sorella, altri comprati in negozio e altri ancora presi al mercato di San Marco il lunedì. Io ne tengo 4 manica corta o canottiera (dipende dalla stagione) per la notte da mettere sotto pigiama; e altri 3 manica lunga se è inverno o da mettere sotto i maglioncini di giorno. Dico la quantità perchè mi sono ritrovata con decine di body che non ho mai usato.

CACCA: o cagano o troppo o sono stitici! La via di mezzo non esiste! Se ne fanno troppa il vostro pediatra vi consiglierà di aggiungere crema di riso al biberon e mela come primo frutto. Se sono stitici aggiungere mais e tapioca al latte e prediligere le pere se non proprio la prugna!
Consigliano di fare un clistere dopo 48 ore di mancata evacuazione! Ma nel frattempo potete provare a "solletocare" il bambino con un sondino o (rimedio antico) con un rametto di prezzemolo unto nell'oilo! Consigliato dalle migliori puericultrici!

CIUCCIO: questa volta un inferno! In Ospedale non volevano darglielo quindi ci ho impiegato un bel po' ad "educarla" al ciuccio! Questa volta niente Phisio della Chicco (che a parere mio è il migliore). Maria ha voluto il succhietto a goccia, AVENT http://www.avent.com/ , ma quando dorme glielo sostituisco con quello in caucciù di Mebby perchè credo sia più facile per la piccola
da afferrare. Chiaramente ho la casa invasa dai ciucci nella speranza che Maria, riempiendole la culla (a Tommi ne mettevo 5!) impari presto a prenderli da sola.

Devo dire che né Tommi né Maria ne hanno mai paryicolarmente sofferto ma io ho sempre dato 1 flacone di COLIMIL prima del biberon delle 20,00. In più, al primo accenno o sospetto di mal di pancia....via con il sondino! Tommi era stitico e in questo modo lo aiutavo anche a "produrre"! Io compro quelli con il tappino blu. Utile anche tenerli a pancia in giù e raccogliergli le gambine al petto per poi stenderle: aiuta ad espellere aria.

CUSCINO: mai usato per Tommi mentre per Maria l'ho utilizzato da subito perchè lei ha sempre dormito su un fianco. Il cuscino le dà una postura più giusta. Quando si gira a faccia in su glielo tolgo o è proprio lei a spostarlo.

GIOCHI: nessuno necessario per il neonato! Carillon a manetta, una palestrina e qualche giochino che fa rumore da attaccare magari al passeggino.

LENZUOLA: mai usato il lenzuolo! Solo d'estate giusto per coprire Maria in caso di leggera brezzolina ma io non l'ho mai usato né in carrozzina né in culla. Però consumavo per Tommi (che rigurgitava spesso causa reflusso gastrico) chili di coprimaterassi! Quindi uno dei miei regali MUST, anche se poco poetico, alle neo mamme è il lenzuolino in cotone con angoli copri materasso!

MARSUPIO: io ne ho comprati 1000 e usati nessuno! Da quello in morbido jersey per attaccare il bambino a sè (usato 1 volta per portare Tommi a pranzo dai miei genitori) ma devi avere una laurea in ingegneria per poterlo montare, a quelo classico che ogni tanto mi è capitato di usare ma, in inverno il bambino è troppo esposto al freddo, in estte al caldo, in primavera al vento, in autunno idem.....quindi via al passeggino!

NANNA: capitolo delicatissimo! Ci sono bambini che dormaono da subito e altri che non ne vogliono sapere. Quelli che per i primi 3 mesi sono degli Angeli e poi diventano Satana, e quelli chhe segiono i manuali alla lettera cominciando a dormire dal terso mese per 12 ore di fila! I bravi bambini capitanio sempre gli altri! I nostri, per bravi che siano, non sono mai come li vorremmo!
Tommi ha dormito benissimo i primi 3 mesi e poi si è scatenato. Non voleva addormentarsi e pèerdeva il ciuccio 100 volte a notte e noi dietrio a darglielo.
Maria sembrava più difficoltosa: non ricordavo i vesri continui dei neonati ma lei me li ha ricordati benissimo! La poppata delle 8 di sera era un inferno: dopo 1 ora aveva di nuovo fame.....Si è stabilizzata intorno al mese e mezzo. Si è tolta il quinto pasto a due mesi e mezzo (Tommi a 3 mesi compiuti), ha sempre seguito gli orari. Ma anche lei è una bambina quindi adesso (3 mesi e mezzo) comincia a far vedere il suo carattere. Ok ho ceduto al ciuccio: i alzo a ridarglielo ma non so per quanto ancora. Con Tommi ho resistito 9 mesi, dopodichè ho capito che erano solo capricci e l'ho fatto piangere, crudelmente! La prima sera (messo a letto ha cominciato a frignare) ha pianto per 50 minuti, le seconda sera 30 minuti, la tersa 10 minuti e poi basta! Bisogna saper tenere duro, per loro e per noi. La storia del ciuccio di notte è durata ancora un pochino ma appena ha imparato a prenderlo da solo...via, 5 ciucci nel letto e abiamo ricominciato a dormire. Con Maria voglio fare lo stesso: appena capisco che i suoi pianti sono solo un capriccio, basta. Se non avessi visto ottimi risultati con Tommi non immaginerei nemmeno di usare di nuovo questo metodo!

NASO: Lavaggi nasali sporadici per tenerlopulito finchè non impara a soffiarsi il naso e a volontà! Finchè sono piccolissimo qualche goccia di soluzione fisiologica e poi aspirare con gli aspiratori nasali. Poi delle belle siringone da 10 ml! Comprate il bottoglione di fisiologica, riempite le 2 siringhe, mettete il bambino sdraiato su un lato e sparate la siringa nella narice in alto, facendo uscire la fisiologia dall'altra. Ripetere l'operazione con l'altra narice spostando il bambino sull'altro lato. Per dopo: quando poi sono davvero grandi potete usare LAVONASE m(sacche di fisiologia per un lavaggio cpomleto) e docce nasali (ne esistono di comodissime da attaccare al pistone dell'aerosol). Tenere la cameretta umidificata (l'umidificatore a caldo va spento quando il bambino va a letto emtre quello a freddo può restare acceso), rialzare un po' il lettino (io mettevo due libri sotto le gambe del letto), olio gomenolato nel naso (ma non dà grandi sollievi). ABituateli subito ai lavaggi nasali e anche se non vogliono farli obbligateli. I dottori dicono di fare dei bei bagni caldi che aitano a buttare fuori il muco. Alle volte con olii da sciogliere nell'acqua ma io non mi sono mai fidata: questi olii hanno sempre troppoe controidicazioni....non mi piacciono.


PANNOLINI: Tutta la vita i PAMPERS PROGRESSI. Solo nell'ultimo perdiodo di utilizzo sono passata ai PAMEPRS EASY UP per facilitare Tommi nell'imparare a usare il vasino (sono fatti come delle mutandine).

POSTURA: questo è un tema a me molto caro. Un consiglio che do sempre alle neo mamme è CONTINUATE A GIRARE LA TESTA DEL BAMBINO QUANDO DORME; attenzione a non farlo dormire sempre sullo stesso lato e appena ci si accorge di una postura "seriale" del collo avvertire il dottore. Tommi pare che nella mia pancia stesse in una posizione molto accartocciata. SI è portato dietro questa postura e noi non siamo stati avvisati di faròo dormire prima con la testa da un lato e poi dall'altro, Ad un mese ci siamo accorti che la testa avevao un grande bozzo: Tommi stava con il collo "rattrappito" da una parte e appoggiava la testolina solo in un modo. Quindi si è appiattita da un lato e ha formato un rigonfiamento dall'altro. Da lì è cominciato il calvario della fisioterapia e dell'osteopatia. All'inizio ci siamo molto spaventati perchè una deficiente di osteopata ci aveva detto che il bambino "avrebbe potuto riportare" danni cerebrali ..... poi si è ridimensionata dicendo che FORSE avrebbe avuto problemi nella masticazione.......certo che ce ne sono in giro di idioti! Per farla breve abbiamo dovuto rieducare Tommi ad una postura corretta con esercizi mirati alla distenzione del collo ed ha dovuto cominciare dormire sul finaco per cercare di far rientrare il bozzo. Adesso ha 4 anni ed ancora si nota la testa "un po' storta" ma èare sia solo una questione estetica......io, che sono bastarda dentro, lo raso anche a ZERO!
Quindi attenzione alla postura: esistono cuscini che sorreggono il bambino sul fianco durante il sonno (io l'ho comprato da Prenatal) e altri cuscini speciali che prevengono l'appiattimento tipico dei bambini che stanno sempre supini (anche questo da Prenatal). Altro consiglio: mettete i bambini da subito a pancia in giù. Un bel tappetiono morbido e lasciateli sviòluppare i muscoli del collo, attirate la loro attenzione prima da un lato e poi dall'altro in modo fargli fare dei semplici esercizi di torsione o stiramento.

SCALDABIBERON: usato AVENT e anche MEBBY ma da quando ho scoperto il microonde mi è svoltata la vita! Si può scaldare solo l'acqua in cui si mette il latte in polvere: attenzione  a non sbagliare. Dopo vari tentativi ho azzeccato la tempistica giusta per  riscaldare la quantità di acqua nel biberon e il gioco è fatto. Se ripenso alle ore passate davanti allo scaldabiberon in attesa che l'acuqa fosse pronta....evviva il microonde!

SDRAIETTA: fondamentale accessorio della vita del neonato e non solo. AL bando le modernità super di design! Affidatemvi ai prodotti "giocosi" per bambini, tipo Fisher Price www.fisher-price.com : comodità suoni, vibrazione e giochi. E' vero, spesso non sono bellissime da vedere, hanno colori chiassosie  ruomori fastidiosi ma io ho cestinato la "sdraietta perfetta" con frizzi e lazzi per buttarmi su quella più pratica e divertente!

STERILIZZATORE: quando il dottore ha detto a me e a mio marito che potevamo smettere di usare lo sterilizzatore, lo abbiamo abbracciato commossi. Per noi è stato un peso mostruoso. Due palle micidiali. Comunque abbiamo sempre usato quello della AVENT finchè non si è distrutto (in realtà non era rotto: bastava decalcarizzarlo e ricordarsi di mettere la quantità di acqua segnalata nelle istruzioni perchè se ne metti di più o di meno, alla lunga smette di funzionare) e abbiamo comprato uno della Chicco www.chicco.com . Sono sterilizzatori a vapore: quello di AVENT più veloce di quello Chicco.

VESTITI: imbarazzo della scelta! Come si può ben immaginare c'è poca soddisfazione a vestire il maschio, quindi Tommi è andato in giro in pigiama per i primi 3 mesi di vita. Poi, diventato ometto ho cominciato a mettergli qualche indumento normale, ma, mio gusto personale, mi sono accorta di quante cose inutilizzate avevo e ho. Prima di tutto i golf di lana: io non amo la lane, mi da la sensazione di "bambini sudati"! Quindi solo felpe, prevalentemente con cappuccio così in caso di vento si può fare a meno del cappellino! Avevo anche tanti pantaloni di lana o maglia....mai usati. Tante mini scarpine...mai usate! Tantissime salopette....mai usate se non 3! Poi nel primo anno crecsono a tale velocità che non vale la pena penarsi troppo con i vestiti! Quindi aspettate tutti i regali che vi faranno e state parchi! Altro consiglio per il futuro: dopo i 3 anni la taglia rimane circa la stessa....Tommmi quest'anno (4 anni) ha usato ancora pantaloni corti di 3 anni!

1 commento:

  1. Il cuscino mi ha salvato la vita! anche la sdraietta, e la palestrina. Ho comprato un tapeto Tiny Love su Eurekakids, e mia figlia si diverte molto!

    RispondiElimina