martedì 24 gennaio 2012

UOMINI E PADRI 2

Quindi largo alle esperienze personali sui nostri uomini. A proposito vi consiglio la rubrica di Carla Signoris, moglie di Maurizio Crozza, Ho Sposato Un Deficiente , che trovate online (è diventata anche un libro ma è più bella a puntate!): è un po’ la mia ispirazione!

-LUI E IL BAMBINO

Il  rapporto Uomo adulto/bambino è amorevole e conflittuale allo stesso tempo. Gli uomini hanno un grande senso di protezione e di amore ma NON TOCCATE LA LORO LIBERTA’: se il giovedì c’è calcetto devono andare a calcetto. Se sabato c’è moto cross devono andare a moto cross. Se Domenica c’è birra, frittata di cipolle e rutto libero davanti alla proiezione di Fantozzi 1, 2, il ritorno, va in pensione, 2000 e quanti altri cavolo ce ne sono, lui non può mancare. Ma se tu hai la riunione dell’asilo, la manicure, il cane da portare dal veterinario, tua sorella che con 3 figli ha bisogno di una mano, il compleanno delle tue migliori amiche (grazie al Cielo due compiono gli anni a 1 giorno di differenza quindi 1 sola festa!), lui non ha mai tempo per tenere il bambino. Anche se tu gli dici con una settimana di anticipo che il venerdì dopo hai la riunione e non sai se riuscirai ad arrivare in tempo all’asilo a prendere il bambino, anche se tuo marito ti dirà (tutte le volte che glielo ricorderai, cioè almeno 3 al giorno a parole, 1 via messaggio e 1 via mail) MA CERTO AMORE, NON PREOCCUPARTI VADO IO, puoi stare certa che il giorno prima, in una normale discussione casalinga, ti dirà: FINALMENTE DOMANI A TAL ORA ( quella della tua riunione) MI VEDO CON GIANNI PER PARLARE DI COME ARREDARE LA SUA CASA AL LAGO, SAI VUOLE DEI CONSIGLI. MA COME??? SI è dimenticato? In tutta la giornata quello era proprio l’orario in cui doveva pianificare il suo incontro? Che poi non è mica con Napolitano che si deve vedere, o con Obama o con qualcuno di tale importanza da non poter rimandare. E’ con Gianni, suo amico storico, che può vedere la sera al bar a bere una birretta. Ma se glielo fai notare la colpa è tua. Sei tu che prendi impegni in orari improbabili. D’altra parte lui lavora quindi l’imprevisto è sempre dietro l’angolo. Ma porco Giuda. Partono insulti, recriminazioni, si tirano fuori fatti successi secoli prima. Ma tanto poi chi va a prendere il bambino saltando la riunione chi è? La mamma. Mettiamoci il cuore in pace.

Nessun commento:

Posta un commento